Roma, minaccia di uccidere ex moglie e figli: arrestato dopo latitanza

Roma, 8 set. (LaPresse) - "Tornerò dalla Germania, ti troverò e ti ucciderò insieme ai nostri figli, poi mi toglierò la vita, così potremo stare insieme nell'aldilà". Così minacciava via sms la ex moglie un romeno di 39 anni arrestato ieri notte dai carabinieri di Frascati (in provincia di Roma), che hanno messo fine alla latitanza dell'uomo nei confronti del quale, nel novembre 2013, il tribunale di Roma aveva emesso un provvedimento di carcerazione. I messaggi e le pesanti intimidazioni erano cominciate nel mese di ottobre dell'anno scorso. La donna di 46 anni - anch'essa romena - si era presentata in caserma a Frascati per denunciare l'ex marito in quel periodo in Germania per motivi di lavoro.

Proprio quel distacco aveva consentito alla donna, già decisa a interrompere la relazione con il trentanovenne da cui aveva avuto due figli, ad avviare le pratiche per il divorzio. In totale disaccordo con tale decisione, l'uomo aveva scatenato però la sua ira tempestando di messaggi la ex consorte: sms dapprima velatamente minacciosi, poi con l'esplicita promessa di uccidere lei e i loro figli. La donna inoltre, sempre nella denuncia, raccontò ai carabinieri che già 13 anni era stata vittima del comportamento vessatorio del marito, che al culmine di una lite la cosparse di benzina minacciando di darle fuoco.

Quando il tribunale di Roma, accogliendo le richieste dei carabinieri di Frascati, nel novembre 2013 ha emesso il provvedimento di carcerazione, l'uomo si è reso irreperibile riuscendo ad eludere tutti i tentativi di ricerche attivati sia in territorio nazionale che estero, facendo piombare ancor più nel terrore la donna, preoccupata per un eventuale improvviso ritorno dell'uomo. Lo stalker, una volta arrestato, è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata