Roma, maltrattamenti all'asilo: ai domiciliari maestra e direttrice

Roma, 15 mag. (LaPresse) - Il bimbo si fa la pipì nei pantaloni e la maestra lo costringe a inginocchiarsi e ad asciugarla con un fazzoletto di carta, dopo essere stato minacciato, davanti agli altri bambini, di fargliela pulire con la faccia. E' uno degli episodi di violenze e umiliazioni accertati dalla procura all'asilo San Romano di Roma. Ai domiciliari sono finite una maestra, 57 anni, e la direttrice dell'istituto, di 63, quest'ultima perché, consapevole degli atteggiamenti della prima, non solo non ha preso i provvedimenti del caso, ma anzi l'ha difesa di fronte alle numerose segnalazioni. Numerosi, secondo gli inquirenti, gli eventi in cui la maestra è ricorsa alla violenza per ottenere l'obbedienza degli alunni, bimbi di meno di 4 anni, generando un clima di terrore, mettendoli in costante soggezione psicofisica. Non solo, ma la maestra incitava alcuni di loro, solitamente i più grandi, alla violenza e alla denigrazione verso gli altri. Il comportamento della maestra, fatto anche di insulti ed umiliazioni verbali, riguardava anche bambini portatori di disagi e difficoltà psicoinfantili. Venivano usati epiteti vari come 'scemo', 'zozzo', 'bastardo'.

La maestra era stata più volte, nel tempo, ripresa dalle sue colleghe circa i suoi metodi educativi. A fronte di questo, l'unico suo accorgimento era stato quello di non assumere comportamenti violenti in presenza di altro personale scolastico. La direttrice, che aveva ricevuto diverse segnalazioni sul problema, cercava di mettere tutto a tacere, spingendo al silenzio chiunque manifestasse insofferenza per i metodi dell'insegnante. Emerso questo quadro dalle indagini del commissariato San Basilio, il sostituto procuratore Eugenio Albamonte, per difendere i minori sottoposti al rischio evidente della reiterazione da parte della maestra ha richiesto la misura cautelare, accordata dal gip di Roma Elvira Tamburelli. A segnalare i maltrattamenti alla polizia è stato personale interno all'asilo, insieme ad alcuni genitori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata