Roma, la sindaca Raggi sarà testimone al processo Marra
Coimputato per corruzione l'imprenditore Sergio Scarpellini

Virginia Raggi sarà chiamata a testimoniare nel processo per corruzione all'ex capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra. Il giudice ha infatti deciso che le difese dello stesso Marra e dell'imprenditore Sergio Scarpellini, coimputato per corruzione, possano scegliere dieci testi tra quelli presentati in lista. Tra i dieci scelti dalla difesa di Marra ci sarà la sindaca di Roma.

In aula, davanti alla seconda sezione penale del tribunale di Roma, sono presenti entrambi gli imputati. Secondo la pm Barbara Zuin e il procuratore aggiunto Paolo Ielo, responsabili dell'inchiesta, Scarpellini avrebbe pagato al funzionario alcuni immobili per corromperlo. Per questo i due finirono in manette il 16 dicembre scorso: Scarpellini confermò di aver pagato a Marra parte di un appartamento, perché la sua amicizia poteva aiutarlo sul lavoro. Inoltre, in alcune intercettazioni risalenti all'estate del 2016, l'ex finanziare poi diventato capo del personale del Campidoglio, parlando con la segretaria di Scarpellini, si definiva "a disposizione" dell'imprenditore. Secondo la procura, tra le 'regalie' di Scarpellini a Marra ci sarebbe il pagamento da parte dell'imprenditore di buona parte dell'appartamento nel quale Marra risiede, da lui acquistato nel 2013 dall'Enasarco, e per il quale Scarpellini avrebbe fornito oltre 367mila euro.

Nel corso dell'udienza sono state fissate le prossime date del processo: il 20 giugno verranno depositate le trascrizioni delle intercettazioni, il 22 e il 27 saranno convocati i testimoni dell'accusa e il 30 giugno, dalle 13, i primi cinque testi delle difese, tra i quali potrebbe esserci la sindaca, la cui testimonianza è stata richiesta dai legali di Marra.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata