Roma, ferma l'auto per aggredire compagna sul sedile accanto: arrestato

Roma, 21 set. (LaPresse) - Ha fermato l'auto in mezzo alla carreggiata e per aggredire la compagna, che voleva lasciarlo. Proprio di là passava un carabiniere fuori servizio in scooter, che si è fermato e gli ha intimato di scendere dall'auto. Lui, per tutta risposta, ha ingranato la marcia e si è dato alla fuga. E' successo ieri nel quartiere romano di Tor Bella Monaca, in via Prenestina. La fuga è durata poche centinaia di metri e l'uomo è stato bloccato da una pattuglia sopraggiunta. Originario di Aprilia, è stato arrestato con l'accusa di sequestro di persona, atti persecutori e lesioni personali aggravate. Alla donna, portata al policlinico di Tor Vergata, è stato diagnosticato un trauma cranico. Dopo alcune ore di osservazione è stata dimessa.

LE VIOLENZE. La coppia aveva allacciato una relazione sentimentale da circa un anno. Dopo pochi mesi, però, hanno appurato i carabinieri, l'uomo si era subito rivelato violento e ossessivo, impedendo alla compagna di uscire e avere altre frequentazioni e amicizie. A luglio numerosi erano stati gli episodi di violenza che la donna non aveva mai avuto il coraggio di denunciare a causa delle sue minacce. Fino alla decisione di lasciarlo, alla quale lui si era opposto ancora una volta con la violenza.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata