Roma, con la madre minaccia e prova ad investire ex ragazza: fermati

Roma, 24 lug.(LaPresse)- Ieri pomeriggio i carabinieri di Ostia (Roma) hanno arrestato un cittadino cileno di 26 anni, pregiudicato, e la madre cinquantunenne, con l'accusa di atti persecutori e lesioni nei confronti della ex ragazza di lui. I due poco prima si erano presentati sotto l'abitazione della giovane donna, in stato di assoluta agitazione, ed armati di coltello a serramanico e di martello, avrebbero iniziato a minacciarla di morte.

I militari, a seguito di una segnalazione di alcuni condomini giunta al pronto intervento 112, sono stati inviati dalla centrale operativa del gruppo di Ostia nei pressi dell'abitazione dove hanno bloccato l'auto, con a bordo madre e figlio, che si stavano dando alla fuga nel corso della quale hanno anche di investire la ragazza e un suo conoscente, intervenuto in suo aiuto, che nel frangente è stato colpito al ginocchio con il paraurti anteriore dell'auto.

L'impatto gli ha causato una contusione giudicata guaribile in pochi giorni dai medici del pronto soccorso dell'ospedale G.B. Grassi di Ostia.

Successivamente, i carabinieri sono riusciti a ricostruire la vicenda della complicata relazione sentimentale tra i due giovani iniziata ad aprile e fatta di continui litigi e botte da parte del ragazzo, che, per paura di essere denunciato, minacciava continuamente di morte la giovane e di fare comunque del male alla sua famiglia.

Nel corso della perquisizione domiciliare nell'abitazione del ragazzo, sono state inoltre rinvenute due patenti di guida palesemente falsificate e due buste 'schermate'per eludere le barriere antitaccheggio dei supermercati.

Madre e figlio, dichiarati in arresto, sono stati condotti rispettivamente al carcere di Rebibbia e Regina Coeli, in attesa di essere interrogati nelle prossime ore dai giudici.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata