Roma, aggredisce genitori per soldi e li minaccia di morte: arrestato

Roma, 8 ago.(LaPresse) - Tornava spesso a casa ubriaco minacciando e talvolta aggredendo i genitori per avere da loro del denaro. Dopo l'ennesimo episodio di violenza, un ragazzo è stato denunciato dal padre disperato e terrorizzato e ieri è stato arrestato a Roma. Tutto è iniziato nella mattinata di lunedì. In base a quanto riferito dalla questura poco dopo le otto una pattuglia del commissariato Prenestino, mentre era in transito in via dei Pioppi per il consueto controllo, è stata fermata da un uomo molto agitato il quale ha chiesto aiuto affermando che suo figlio per l'ennesima volta aveva aggredito sia lui che la moglie.

Dopo aver informato la sala operativa della questura di Roma gli agenti sono entrati nell'abitazione indicata e all'interno hanno subito trovato la madre, anch'essa molto agitata ed impaurita, che ha indicato loro la stanza nella quale si trovava il figlio. Alla vista degli agenti assieme ai genitori, il ragazzo, dapprima ha iniziato ad inveire contro il padre cercando di colpirlo ma è stato fermato dai poliziotti, poi in maniera repentina, si è scagliato contro la madre colpendola prima di venire bloccato.

Nonostante ciò, il ragazzo ha tentato più volte di colpire anche gli agenti, ma è stato immobilizzato.

Il padre ha così raccontato agli agenti delle continue minacce e violenze da parte del ragazzo che andrebbero avanti da diverso tempo, precisando che il figlio è solito rientrare a casa ubriaco e si avventa contro i genitori pretendendo poi del denaro oppure portando via degli oggetti di famiglia per ricavarne dei soldi. Già in passato l'uomo era stato costretto a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine per paura di ritorsioni da parte del figlio. "Hai chiamato un'altra volta le guardie adesso ti faccio a pezzi maledetto". Così il ragazzo si è rivolto al padre in presenza dei poliziotti.

Il ragazzo, che è romano e ha 21 anni, è stato quindi accompagnato presso il commissariato Prenestino assieme ai genitori, che hanno presentato denuncianei suoi confronti. La madre è stata invece accompagnata presso il policlinico Casilino per le escoriazioni riportate a seguito dell'aggressione. Per il giovane è scattato l'arresto ed è stato accompagnato presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell'autorità giudiziaria. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata