Roma-Lazio, scontri e arresti a Formello dopo il derby
Tre tifosi biancocelesti, accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, sono stati sottoposti a obbligo di firma

E' stato convalidato l'arresto dei tre tifosi della Lazio fermati ieri dopo il derby perché ritenuti responsabili degli scontri avvenuti nei pressi del centro sportivo della squadra biancoceleste, a Formello (Roma). I tre, accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, sono stati sottoposti a obbligo di firma. La prossima udienza è fissata al 27 maggio quando l'avvocato Lorenzo Contucci potrebbe valutare la richiesta di riti alternativi.

La polizia è intervenuta nel pomeriggio di ieri quando un gruppo di tifosi ha bloccato la circolazione nei pressi del centro sportivo ribaltando oggetti in strada. All'arrivo degli agenti i tifosi hanno lanciato contro le forze dell'ordine oggetti, bottiglie di vetro e un mattone, provocando il ferimento di un poliziotto. Oltre ai tre arrestati, dodici persone sono state denunciate. I quindici sono stati tutti sottoposti a provvedimento di daspo. Sono ancora al vaglio degli investigatori le immagini registrate nell'occasione per eventuali altri provvedimenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata