Roberti:Dia fa bene a parlare di infiltrazioni, ma sistema ok
"Da tempo constatiamo che le mafie, soprattutto al Nord, utilizzano gli appalti pubblici per riciclare proventi illeciti" ha sottolineato il procuratore antimafia

"La Dia fa bene a ricordare le insidie legate alle infiltrazioni mafiose nel mondo degli appalti pubblici ma non dice nulla di nuovo. E voglio sottolineare che il sistema funziona, perché ci consente di accertare questi reati". Lo ha detto a 'Voci del Mattino', Radio1 Rai, Franco Roberti, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo. "Da tempo constatiamo che le mafie, soprattutto al Nord, utilizzano gli appalti pubblici per riciclare proventi illeciti, per esempio derivanti dal traffico di stupefacenti. Per questo si fanno le indagini, per questo esiste una autorità anticorruzione che punta a prevenire, attraverso il controllo della legalità e regolarità degli appalti. Noi questa infiltrazione l'abbiamo verificata in molte indagini, soprattutto riguardanti la 'ndrangheta calabrese. D'altronde, è nella logica mafiosa, cercare di 'pulire' il denaro proveniente da affari illeciti investendolo negli appalti, avvalendosi anche di imprese apparentemente pulite ma che invece sono finanziate dalle mafie. Ci sono - ha concluso Roberti - indagini e procedimenti in corso, da parte delle procure soprattutto del Nord ma anche del centro sud. Penso alla Dda di Napoli, che indaga su appalti concessi alle cooperative".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata