Rivolta in carcere a Bolzano, medici bloccati poi rilasciati

Bolzano, 23 gen. (LaPresse) - Rivolta con violenze e danni alla seconda sezione del carcere di Bolzano. Lo rende noto il sindacato Uil Penitenziari, per voce del suo segretario generale Eugenio Sarno. "I rivoltosi sono stati isolati ed allocati temporaneamente negli spazi aperti dei passeggi- dice Sarno - considerato che la sezione è completamente inagibile causa gli incendi appiccati dai rivoltosi che hanno anche distrutto le suppellettili". "Per i circa venti facinorosi - aggiunge - è in corso un trasferimento ad altra struttura penitenziaria operato dalla polizia penitenziaria di Bolzano, coadiuvata dai rinforzi che sono arrivati dal carcere di Trento. Si è resa necessaria anche l'evacuazione della terza sezione, invasa dai fumi degli incendi. Tutti i detenuti sono stati visitati e non si registrano feriti". "Nell'esprimere le più vive congratulazioni al personale di Bolzano che ha saputo con professionalità e tempestività gestire i difficili momenti della rivolta, nonostante la grave carenza organica. Un particolare plauso- sottolinea Sarno - rivolgiamo all'assistente capo che ha permesso ai medici bloccati nella sezione in rivolta di uscirne indenni . Auspichiamo che questa prova di coraggio fornita dal collega sia debitamente tenuta in conto dall'amministrazione penitenziaria attraverso idoneo riconoscimento formale".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata