Rita Borsellino, in centinaia alla camera ardente in bene confiscato
Una folla di centinaia di persone si è radunata davanti alla camera ardente di Rita Borsellino, a Palermo, allestita all'interno di un bene confiscato alla mafia e ora assegnato dal Comune al Centro Studi "Paolo Borsellino". La sorella del magistrato assassinato dalla mafia, Paolo Borsellino, si è spenta il 15 agosto a 73 anni, dopo una lunga malattia. Tra loro c'erano anche il senatore Pietro Grasso e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.