Rintracciato a Roma uomo ritenuto vicino ad ambienti jihadisti
Fermato ed espulso un cittadino russo

Un cittadino russo di 32 anni è stato rintracciato in una pensione a Roma e avviato all'espulsione perché ritenuto vicino ad ambienti jihadisti. È successo ieri. L'uomo, in compagnia di una donna, era arrivato a Roma il giorno precedente partendo da Colonia. Era già sottoposto a vigilanza da parte delle autorità tedesche e della Digos della questura di Udine. La perquisizione nella camera dove alloggiava la coppia ha dato esiti negativi, ma i due sono stati comunque accompagnati all'ufficio immigrazione dove si è accertata la posizione irregolare in Italia dell'uomo. Per lui è stata avviata la procedura di espulsione ed è stato accompagnato al Cie di Torino in attesa di tornare al Paese d'origine, mentre per la donna, in regola col permesso di soggiorno, sono in corso ulteriori accertamenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata