Rimini, tirano calci a donna nera incinta: Ti facciamo abortire
È accaduto a Rimini, i due giovani responsabili sono stati arrestati

È stata  derubata e picchiata perché nera una giovane donna in evidente stato di gravidanza. È accaduto su un autobus a Rimini ed entrambi i responsabili sono stati arrestati.

La vittima era sull'autobus, quando si è accorta di una mano che frugava nella sua borsa. Ha quindi bloccato il braccio del ladro, un individuo di altezza media, con capelli e occhi scuri, una una maglietta bianca, occhiali, barba incolta e pantaloncini corti. Il giovane ha iniziato a insultarla con frasi offensive: "Negri di merda ritornate al vostro paese", dandole calci e pugni in varie parti del corpo. La donna ha cercato di proteggere il bambino, essendo al sesto mese di gravidanza. A fianco del giovane c'era una ragazza che inveiva con frasi quali: "Ti faccio abortire negra di merda". Quando l'autobus si è fermato per far scendere alcuni passeggeri alla fermata di linea, i due ragazzi hanno spinto la donna, facendola cadere in terra. G

Giunti sul posto, i poliziotti hanno notato la presenza di una donna di colore in evidente stato di gravidanza e una coppia di ragazzi, una residente in provincia di Ancona del 1998 e l'altro residente in provincia di Caserta del 1995. La donna aggredita ha subito riferito agli agenti che i due ragazzi l'avevano derubata del proprio telefonino cellulare mentre si trovava sull'autobus della linea 11. I due giovani hanno continuato a insultarla e ingiuriarla anche alla presenza degli agenti. La donna poi si è sentita male ed è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso, mentre i due ragazzi sono stati arrestati per furto

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata