Reggio Emilia, esplode bombola al mercato: 3 morti

Reggio Emilia, 9 mar. (LaPresse) - Tre persone sono morte e una decina, di cui due in gravi condizioni, sono rimaste ferite nell'esplosione di due bombole di gas, una subito dopo l'altra, al mercato rionale di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Le bombole si trovavano in una rosticceria ambulante e venivano utilizzate nel furgone per il girarrosto dei polli. Sul furgone c'erano Francesco Mango e la moglie Enza, ambulanti di Sant'Ilario, insieme alla figlia di 28 anni e alla cognata. L'unico sopravvissuto è il titolare della rosticceria, trasportato in elicottero all'ospedale Maggiore di Parma con gravissime ustioni. Sembra che le esplosioni siano state causate da una fuga di gas ma ancora sono in corso accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti.

E' ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Maggiore di Parma, in gravi condizioni, Francesco Mango 55 anni, titolare del furgone-rosticceria in cui sono esplose delle bombole a Guastalla. Ha riportato con ustioni di 2° e 3° grado su circa il 20% della parte superiore del corpo. Sei delle undici persone rimaste ferite nella deflagrazione sono state ricoverate all'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, che ha emesso una nota. Due donne di 65 anni e tre uomini di 37, 43, e 55 anni sono stati ricoverati al Centro grandi ustioni sempre in prognosi riservata. Tutti e cinque i pazienti hanno riportato ustioni di 2° e 3° grado tra il 10 e il 15 % nella parte superiore del corpo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata