Reggio Calabria, maxi-truffa ai danni dell'Inps: 259 denunce
I finti dipendenti hanno percepito indennità assistenziali e previdenziali a danno dell'Inps per circa due milioni di euro

I finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno scoperto una maxi truffa ai danni dell'Inps perpetrata da cinque aziende operanti in diversi comuni della Locride, in provincia di Reggio Calabria. L'analisi della documentazione contabile effettuata dalle fiamme gialle, ha consentito di rilevare un fraudolento modus operandi posto in essere dai titolari delle aziende nell'assunzione di lavoratori 'inesistenti' che, dal 2008 al 2014, hanno percepito indennità assistenziali e previdenziali (disoccupazione, maternità e malattia) a danno dell'Inps per circa due milioni di euro.
I titolari delle aziende sottoposte a controllo, si sono resi responsabili di aver dichiarato nella denuncia aziendale presentata all'Inps, un fabbisogno lavorativo superiore alla reale ed effettiva capacità aziendale segnalando l'assunzione di 259 dipendenti a tempo determinato che 'sarebbero' stati impiegati per circa 60mila giornate lavorative in fondi agricoli risultati di fatto incolti.
Si è proceduto, così, a deferire alla locale autorità giudiziaria i titolari delle aziende e 259 lavoratori 'fantasma', per essersi resi responsabili, tra l'altro, del reato di truffa aggravata ai danni dell'Inps.

E' stata smascherata, tra l'altro, una vera e propria associazione composta da soggetti legati da vincoli di parentela che, pur essendo titolari ciascuno della propria azienda, si servivano di un'unica struttura organizzativa assumendo personale che transitava fittiziamente da una ditta ad un'altra percependo indebitamente indennità assistenziali e previdenziali.Ulteriori accertamenti hanno consentito di rilevare l'omesso versamento nelle casse dello Stato di contributi previdenziali per circa 160mila euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata