Rapporto ecomafie Legambiente: Fatturato di 16,7 miliardi di euro

Roma, 17 giu. (LaPresse) - 34.120 reati, 28.132 persone denunciate, 161 ordinanze di custodia cautelare, 8.286 sequestri, per un giro di affari di 16,7 miliardi di euro gestito da 302 clan, 6 in più rispetto a quelli censiti lo scorso anno. E' un'economia che non conosce la parola recessione quella fotografata da 'Ecomafia 2013', il rapporto annuale di Legambiente, realizzato grazie al contributo delle forze dell'ordine, sulle storie e i numeri dell'illegalità ambientale in Italia, presentato oggi a Roma.

LIGURIA PRIMA REGIONE AL NORD PER NUMERO DI ILLECITI. I numeri degli illeciti ambientali accertati lo scorso anno delineano una situazione di particolare gravità. Il 45,7% dei reati è concentrato nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa (Campania, Sicilia, Calabria e Puglia) seguite dal Lazio, con un numero di reati in crescita rispetto al 2011 (+13,2%) e dalla Toscana, che sale al sesto posto, con 2.524 illeciti (+15,4%). Prima regione del Nord Italia, la Liguria (1.597 reati, +9,1% sul 2011). Da segnalare, secondo Legembiente, per l'incremento degli illeciti accertati anche il Veneto, con un +18,9%, e l'Umbria, passata dal sedicesimo posto del 2011 all'undicesimo del 2012.

CRESCONO ILELCITI CONTRO ANIMALI. Crescono nel 2012 anche gli illeciti contro gli animali e la fauna selvatica (+6,4% rispetto al 2011), sfiorando quota 8.000, a una media di quasi 22 reati al giorno e ha il segno più anche il numero di incendi boschivi che hanno colpito il nostro paese: esattamente +4,6% rispetto al 2011, un anno orribile per il nostro patrimonio boschivo dato che aveva fatto registrare un picco del 62,5% rispetto al 2010.

RECORD NEGATIVO IN CAMPANIA. È la Campania a guidare anche quest'anno la classifica dell'illegalità ambientale nel nostro paese, con 4.777 infrazioni accertate (nonostante la riduzione rispetto al 2011 del 10,3%), 3.394 persone denunciate e 34 arresti. E il discorso vale sia per il ciclo illegale del cemento sia per quello dei rifiuti.

CRESCE CORRUZIONE, ARRESTI RADDOPPIATI. La corruzione è in costante e inarrestabile crescita Secondo la relazione al Parlamento della Dia relativa al primo semestre 2012, le persone denunciate e arrestate in Italia per i reati di corruzione sono più che raddoppiate rispetto al semestre precedente, passando da 323 a 704. E se la Campania spicca con 195 persone denunciate e arrestate, non sfigurano nemmeno la Lombardia con 102 casi e la Toscana a quota 71, seguite da Sicilia (63), Basilicata (58), Piemonte (56), Lazio (44) e Liguria (22). Di mazzette e favori si alimenta, infatti, quell'area grigia che offre i propri servizi alle organizzazioni criminali o approfitta di quelli che gli vengono proposti. Dal primo gennaio 2010 al 10 maggio 2013, spiega Legambiente, sono state ben 135 le inchieste relative alla corruzione ambientale, in cui le tangenti, incassate da amministratori, esponenti politici e funzionari pubblici, sono servite a 'fluidificare' appalti e concessioni edilizie, varianti urbanistiche e discariche di rifiuti.

LEGAMBIENTE: INTRODURRE DELITTI AMBIENTALI NEL CODICE. "I numeri e le inchieste riassunte in questo rapporto - afferma il responsabile dell'Osservatorio ambiente e legalità di Legambiente Enrico Fontana - impongono, l'adozione di un pacchetto di misure indispensabili per contrastare in maniera decisamente più efficace la minaccia rappresentata dai fenomeni di criminalità ambientale che avvelenano il nostro paese". La proposta prinicpale riguarda l'introduzione dei delitti ambientali nel nostro codice penale, "che consentirà alla magistratura e alle forze dell'ordine di intervenire in maniera adeguata perché frutto di un'attenta e obiettiva valutazione dei fenomeni criminali, delle loro cause e delle loro conseguenze".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata