Presidente comunità ebraica Roma: La black list è una violenta offesa

Roma, 18 dic. (LaPresse) - "Atti di questo genere sono un'offesa intollerabile per il lavoro duro che si sta svolgendo per il dialogo tra religioni e per superare le barriere esistenti". Così Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica di Roma, commenta con LaPresse la 'black list' di personalità ebraiche influenti pubblicata ieri sera sul sito internet di Radio Islam.

Le barriere, spiega, sono quelle "legate ai pregiudizi, al razzismo e all'antisemitismo". L'esistenza di liste nere di nomi di persone influenti di religione ebraica non è una novità: "Denunciamo queste 'black list' già dal 2008. Questa volta però preoccupa che la lista non sia apparsa su siti filonazisti - aggiunge Dureghello - ma su un sito legato a una religione". Sui nomi presenti, "Sinceramente non voglio entrare nel dettaglio - afferma -, ho letto però che tra gli elencati ci sono persone che non sono neanche di religione ebraica. Questa è una violenza ulteriore, per tutti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata