Presi due membri della band che assaltò un tir nel barese
Dopo l'assalto armato, infatti, il gruppo aveva nascosto il tir all'interno di un capannone

Avevano fornito appoggio logistico ad un gruppo d'assalto che l'8 aprile scorso, a Modugno (Ba), non aveva esitato a bloccare, armi in pugno, il conducente di un autoarticolato, picchiandolo ed impossessandosi del mezzo, facendone perdere le tracce e rilasciando lo sventurato, dopo ore, nelle campagne di Corato (Ba). Il carico era stato ritrovato dai carabinieri alla periferia di Barletta. In tutto era stata recuperata merce per un valore oltre i 300mila euro, tra oggettistica, abbigliamento, prodotti per l'arredo e per il giardinaggio.

Alle prime luci dell'alba, dopo neanche due mesi di indagini i carabinieri del nucleo investigativo di Bari hanno iniziato a ricostruire il puzzle, facendo scattare le manette ai polsi di padre e figlio originari di Barletta. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ritiene i due responsabili di rapina aggravata in concorso, sequestro di persona, detenzione e porto in luogo pubblico di armi, lesioni personali.
 

Dopo l'assalto armato, infatti, il gruppo aveva nascosto il tir all'interno di un capannone nell'attesa di recuperare la merce trasportata. Ma l'intervento dei carabinieri, non solo aveva fatto recuperare la merce, immediatamente restituita ai legittimi proprietari, ma aveva fatto scattare immediati accertamenti a carico degli odierni arrestati, cui era riconducibile il deposito prescelto.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata