Popolazione italiana in calo: giù di 100mila rispetto al 2017. Per le nascite minimo storico
La fotografia dell'Istat: Paese sempre più vecchio, l'età media è di oltre 45 anni e solo il 13,4% ha meno di 15 anni

Italia meno popolata e sempre più vecchia. Questa la fotografia scattata dall'Istat, che oggi ha diffuso il suo rapporto sugli indicatori demografici. La popolazione al primo gennaio 2018 è di 60 milioni 494mila residenti, quasi 100mila in meno rispetto all'anno precedente, rileva l'Istituto di statistica, sottolineando che le nascite del 2017 sono 464mila, il 2% in meno rispetto alle 473mila del 2016, e rappresentano un nuovo minimo storico. Sul fronte invecchiamento della popolazione, il 22,6% degli italiani ha un'età superiore o uguale ai 65 anni, il 64,1% ha età compresa tra 15 e 64 anni mentre solo il 13,4% ha meno di 15 anni. L'età media della popolazione ha oltrepassato i 45 anni

I decessi nel 2017 - spiega ancora l'Istat - sono stati 647mila, il 5,1% in più rispetto ai 31mila del 2016. In rapporto al numero di residenti, nel 2017 sono deceduti 10,7 individui ogni mille abitanti, contro i 10,1 del 2016. Il saldo naturale, quindi, è negativo per 183 mila persone. Il saldo migratorio con l'estero, positivo per 184 mila unità, registra un "consistente" incremento sull'anno precedente, pari a 144mila. Le immigrazioni crescono del 12% a 337mila unità, mentre diminuiscono del 2,6% le emigrazioni, a 153mila. Non si rilevano variazioni significative sulla speranza di vita alla nascita: 80,6 anni per gli uomini e 84,9 anni per le donne. Il gap di sopravvivenza tra donne e uomini scende a 4,3 anni.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata