Pomeriggio 5, cugino del ladro ucciso: Non ci si fa giustizia da soli

Milano, 23 ott. (LaPresse) - Il cugino del 22enne ucciso da Francesco Sicignano a Vaprio d'Adda ha dichiarato in diretta a 'Pomeriggio 5' che "non ci si può fare giustizia da soli, se no si torna al Far West".

"Anche se mio cugino ha sbagliato - ha proseguito l'uomo, che ha preferito restare anonimo - non si può sparare così a un ragazzo di 22 anni, nessuno può decidere della vita di qualcun altro. Aveva tutta una vita davanti". Il cugino del 22enne è stato chiamato dopo aver scritto una mail a Barbara d'Urso. "In Albania ha una madre e un padre che lo stanno piangendo - aveva scritto - Vorrei avere la possibilità di difendere quel ragazzo, anche se aveva torto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata