Pomeriggio 5, ancora il caso del convento degli orrori

Milano, 17 dic. (LaPresse) - A 'Pomeriggio Cinque' si torna a parlare del convento degli orrori, gestito da padre Manelli, dove una cinquantina di suore hanno denunciato vessazioni, abusi e violenze di ogni tipo, da quelle psicologiche alle fisiche e sessuali. Padre Manelli è stato sospeso da papa Francesco nel 2013.

"Padre Manelli è stato sollevato dal suo incarico solo perché lui è avanti nell'età, non per altri motivi - ha dichiarato l'avvocato Enrico Tuccillo, legale di padre Manelli, difendendo il suo assistito - la suora che l'ha denunciato ha detto solo fandonie, baggianate. Non è vero che sono 50 le suore che l'hanno accusato, saranno massimo un paio di suore. Riguardo la truffa di 30 milioni di euro, i magistrati hanno detto che ciò che ha dichiarato la procura di Avellino è inammissibile".

A 'Pomeriggio Cinque' si sviluppa un dibattito piuttosto acceso tra Tuccillo e Carmelo Abbate, noto giornalista e opinionista che nel frattempo ha raggiunto Barbara d'Urso in studio: i due si trovano su posizioni diametralmente opposte.

"Io non parlerei assolutamente di baggianate. Le suore non sono delle persone libere dentro la Chiesa Cattolica - ha dichiarato Carmelo Abbate - da sempre ci sono tantissimi rapporti confidenziali del Vaticano dove emergono abusi e violenze a danni delle suore".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata