Piacenza, Nistri: Reati ipotizzati gravissimi ma Stato non si ferma

Milano, 22 lug. (LaPresse) - "I reati ipotizzati sono gravissimi. Per questo motivo procederemo con il massimo rigore" e la "massima severità". Lo ha detto il comandante generale dell'Arma dei carabinieri, Giovanni Nistri, al Tg1 dopo l'inchiesta di Piacenza che ha portato all'arresto di sei militari e al sequestro della caserma Levante. "Sin da questa sera i cittadini troveranno una stazione mobile" ed è in arrivo "un nuovo comandante della compagnia. Lo Stato non si ferma", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata