Piacenza, furbetti del cartellino: indagati 50 dipendenti Comune
Sono accusati di aver timbrato l'ingresso in ufficio per poi assentarsi

Cinquanta dipendenti del Comune di Piacenza sono stati iscritti nel registro degli indagati per falso e truffa. Sono accusati di aver timbrato l'ingresso in ufficio per poi assentarsi per questioni private. 

L'assenteismo sul lavoro è un fenomeno diffuso e non circoscritto solo agli uffici pubblici del sud Italia". Lo afferma il Codacons. "E' evidente come il fenomeno dei furbetti del cartellino sia incredibilmente diffuso, una pratica illecita divenuta oramai un malcostume, ma che produce danni immensi alla collettività", spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata