Piacenza, carabinieri arrestati: anche un'orgia nell'ufficio del comandante
Piacenza, carabinieri arrestati: anche un'orgia nell'ufficio del comandante

Emerge anche dalle intercettazioni dei militari indagati. Presenti anche due donne, presumibilmente escort

Dalle 326 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Piacenza Luca Milani nell'ambito dell'operazione Odysseus, emerge che in un'occasione si sarebbe svolta addirittura un'orgia, con tanto di escort, nell'ufficio del comandante Marco Orlando. A parlarne a bordo dell'auto di servizio sono dei carabinieri indagati, che non sapendo di essere intercettati parlano a ruota libera. I due parlano di un terzo collega "in onore del quale, forse in concomitanza con una ricorrenza, era stata organizzata una serata all'interno della Caserma alla presenza di due donne, presumibilmente escort, con le quali erano stati consumati rapporti sessuali", scrive il gip.

L'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Piacenza, avviata tre anni fa, ha portato alla luce episodi di una gravità inaudita avvenuti nella caserma di via Caccialupo a Piacenza.Almeno sei carabinieri arrestati – alcuni già in carcere e altri ai domiciliari – e la caserma sequestrata

"Lo scenario rappresentato" nei locali della Caserma di via Caccialupo "è quello di un'orgia, tenutasi addirittura all'interno dell'ufficio del Comandante Marco Orlando, dove si era creato un tale scompiglio che le pratiche erano state sparpagliate a terra". Durante il festino, una delle due escort urlava e nel caos qualcuno ha buttato a terra "il cappello di Orlando, la giacca, ha buttato tutte le pratiche per terra".

"Non sono forse ravvisabili reati in simili condotte - è la chiosa del gip - ma dalla descrizione delle stesse traspare ancora una volta il totale disprezzo per i valori della divisa indossata dagli indagati, metaforicamente gettata a terra e calpestata, come quella del loro Comandante durante il festino appena rievocato".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata