Napoli, foto intime da minori e ricatti: arrestato pedofilo 21enne

Adescava ragazze minorenni tramite Instagram e Whatsapp, instaurava con loro un'apparente relazione sentimentale facendosi fornire foto e video a sfondo sessuale, dopodiché partiva con le minacce e il ricatto di diffondere quelle immagini. Con l'accusa di produzione di materiale pedopornografico utilizzando minori di 18 anni e divulgazione di materiale pedopornografico, un ragazzo di 21 anni, residente a Prignano sulla Secchia, nel Modenese, è stato arrestato dai carabinieri di Ischia in collaborazione con quelli di Sassuolo.

Decisiva la denuncia del padre di una vittima che dopo tanti mesi ha trovato il coraggio di denunciare ai suoi genitori la situazione di ricatto che stava subendo. Il giovane 'comprava' il silenzio delle minori spaventandole con intimidazioni di vario genere, compreso l'invio di alcuni video di episodi di terrorismo islamico riconducibili all'Isis. Le ragazze sono 26, tutte minorenni, e sparse in tutto il territorio italiano. Scattate le indagini, i militari hanno trovato in casa del ragazzo pc, smartphone, hard disk con materiale pedopornografico.

Gli ultimi dati sulla pedopornografia resi noti da Telefono Azzurro sono allarmanti. Nel 2017, ogni 72 ore circa si è verificato un caso di abuso sessuale su minore, in 4 casi su 10 la vittima ha meno di 10 anni, con una prevalenza di bambine (71,7%). 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata