Papa: Spalancare cancelli campi profughi, inserire migranti in società

Città del Vaticano, 14 dic. (LaPresse) - Ai drammi di chi fugge dalla guerra e dalla fame "la Chiesa risponde con tante iniziative di solidarietà e assistenza, di ospitalità e accoglienza. C'è sempre molto da fare, ci sono tante sofferenze da lenire e problemi da risolvere. C'è bisogno di un coordinamento maggiore, di azioni più organizzate, in grado di abbracciare ogni persona, gruppo e comunità, secondo il disegno di fraternità che accomuna tutti. Ecco perché è necessario fare rete". Così Papa Francesco rivolgendosi agli organizzatori e agli artisti del Concerto di Natale in Vaticano, che avrà luogo domani, sabato 15 dicembre, nell'Aula Paolo VI. "Fare rete con l'educazione, prima di tutto, per istruire i più piccoli fra i migranti, cioè coloro che invece di sedere fra i banchi di scuola, come tanti coetanei, passano le giornate facendo lunghe marce a piedi, o su mezzi di fortuna e pericolosi - aggiunge il Santo Padre - Anche loro hanno bisogno di una formazione per potere un domani lavorare e partecipare da cittadini consapevoli al bene comune. E nello stesso tempo si tratta di educarci tutti all'accoglienza e alla solidarietà, per evitare che i migranti e i profughi incontrino, sul loro cammino, indifferenza o, peggio, insofferenza. Fare rete con l'educazione significa permettere alle persone di rialzarsi in piedi, di rimettersi in cammino con piena dignità, con la forza e il coraggio per affrontare la vita valorizzando i propri talenti e la propria operosità. Fare rete con l'educazione è una soluzione valida per spalancare i cancelli dei campi profughi, consentire ai giovani migranti di inserirsi nelle società nuove, incontrando solidarietà e generosità e promuovendole a loro volta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata