Papa: Precarietà ha conseguenze funeste, denaro non domini società

Città del Vaticano, 16 mag. (LaPresse) - "La maggior parte degli uomini e delle donne del nostro tempo continuano a vivere in una precarietà quotidiana con conseguenze funeste. Alcune patologie aumentano, con le loro conseguenze psicologiche; la paura e la disperazione prendono i cuori di numerose persone, anche nei Paesi cosiddetti ricchi; la gioia di vivere va diminuendo; l'indecenza e la violenza sono in aumento; la povertà diventa più evidente. Si deve lottare per vivere, e spesso per vivere in modo non dignitoso. Una delle cause di questa situazione, a mio parere, sta nel rapporto che abbiamo con il denaro, nell'accettare il suo dominio su di noi e sulle nostre società". Lo ha detto Papa Francesco ricevendo in udienza, in occasione della presentazione delle lettere credenziali, gli ambasciatori di Kyrgyzstan, Antigua e Barbuda, Lussemburgo e Botswana.

"Il Papa ama tutti, ricchi e poveri - ha aggiunto il pontefice - ma il Papa ha il dovere, in nome di Cristo, di ricordare al ricco che deve aiutare il povero, rispettarlo, promuoverlo. Il Papa esorta alla solidarietà disinteressata e a un ritorno dell'etica in favore dell'uomo nella realtà finanziaria ed economica".

"Sarebbe auspicabile - ha precisato ancora papa Francesco - realizzare una riforma finanziaria che sia etica e che produca a sua volta una riforma economica salutare per tutti. Questa tuttavia richiederebbe un coraggioso cambiamento di atteggiamento dei dirigenti politici. Li esorto ad affrontare questa sfida, con determinazione e lungimiranza, tenendo conto naturalmente della peculiarità dei loro contesti. Il denaro deve servire e non governare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata