Papa: Nel volto disprezzato dei migranti crocifissa dignità
Le parole del Pontefice durante la veglia della notte pasquale

 "Se facciamo uno sforzo con la nostra immaginazione", nel volto delle donne che andarono a visitare il sepolcro di Gesù dopo il sabato "possiamo trovare i volti di tante madri e nonne, il volto di bambini e giovani che sopportano il peso e il dolore di tanta disumana ingiustizia. Vediamo riflessi in loro i volti di tutti quelli che, camminando per la città, sentono il dolore della miseria, il dolore per lo sfruttamento e la tratta". Lo dice Papa Francesco nel corso della veglia della notte di Pasqua nella Basilica di San Pietro. "In loro - aggiunge - vediamo anche i volti di coloro che sperimentano il disprezzo perché sono immigrati, orfani di patria, di casa, di famiglia; i volti di coloro il cui sguardo rivela solitudine e abbandono perché hanno mani troppo rugose. Esse riflettono il volto di donne, di madri che piangono vedendo che la vita dei loro figli resta sepolta sotto il peso della corruzione che sottrae diritti e infrange tante aspirazioni, sotto l'egoismo quotidiano che crocifigge e seppellisce la speranza di molti, sotto la burocrazia paralizzante e sterile che non permette che le cose cambino. Nel loro dolore, esse hanno il volto di tutti quelli che, camminando per la città, vedono crocifissa la dignità".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata