Papa, la visita a sorpresa tra gli ammalati

Città del Vaticano, 14 mar. (LaPresse) - "Siamo stati avvertiti solo un'ora prima del suo arrivo. Il Papa è entrato alle 16.15 accompagnato da monsignor Sapienza e da una guardia, giungendo in auto. La visita è durata un'ora circa". Così inizia il racconto di suor Marina, direttore generale della clinica Pio XI, in via Aurelia a Roma, dove oggi pomeriggio il Santo Padre ha fatto una visita a sorpresa al suo connazionale, il cardinale 90enne Mejia, ricoverato per un infarto. "Ad attendere il Pontefice - dice la religiosa a LaPresse - c'erano il medico curante del cardinal Mejia, il direttore sanitario, il direttore amministrativo e la madre superiora della clinica. L'ha accolto un grande applauso da parte di tutti i presenti, nell'androne.Poi il Papa è salito in terapia intensiva, dove è rimasto per 20 minuti. Qui ha benedetto tutt'e quattro i ricoverati nella stanza". "Quando è uscito - continua suor Marina - si era formata una piccola folla di medici e pazienti della casa di cura che l'hanno circondato affettuosamente chiedendogli di benedirli. Dopo averlo fatto, Bergoglio ha chiesto loro: 'Pregate per me'. A questa frase è seguita un'ovazione ed alcuni hanno gridato 'Evviva il Papa. Evviva il Papa'". A questo punto il Santo Padre "è sceso al piano terra e si è recato nella cappella della casa di cura e ha salutato la comunità delle suore spagnole che gli hanno cantato la canzone del pescatore che è molto famosa. Il titolo è 'Signore tu sei venuto alla riva'".

"All'uscita la gente lo aspettava ancora - racconta la religiosa - e il personale della clinica era tutto riunito per vederlo e cercare di ascoltare una sua parola". "E lui - riferisce entusiasta - non ha deluso nessuno. Al direttore sanitario ha detto: 'Grazie per il lavoro così bello che fate con gli ammalati', e poi se ne è andato". "Mi ha colpito la sua personalità schietta. Si capisce subito che sarà un buon pastore. E' molto affabile con tutti e ha un modo di fare accogliente e caldo. Ne è testimonianza il fatto che ne stanno parlando ancora tutti qui".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata