Papa: Difendere dignità umana e rispettare diritti di coscienza

Milano, 22 nov. (LaPresse) - "Tutti noi siamo chiamati non solo a fare attenzione alla voce dei poveri intorno a noi: gli emarginati, gli oppressi, i popoli indigeni e le minoranze religiose, ma anche a non aver paura di generare istanze, come già timidamente iniziano a svilupparsi, dove poterci unire e lavorare insieme". Così Papa Francesco nel suo discorso ai leader religiosi nella Chulalongkorn University di Bangkok. Nel contempo, continua Bergoglio, "ci è richiesto di assumerci il dovere di difendere la dignità umana e di rispettare i diritti di coscienza e di libertà religiosa, di creare spazi dove offrire un po' di aria fresca nella certezza che «non tutto è perduto, perché gli esseri umani, capaci di degradarsi fino all'estremo, possono anche superarsi, ritornare a scegliere il bene e rigenerarsi, al di là di qualsiasi condizionamento psicologico e sociale che venga loro imposto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata