Papa alla vigilia visita a Lampedusa: Portate gioia nelle periferie della vita

Città del Vaticano, 7 lug. (LaPresse) -" Non abbiate paura di essere gioiosi e della gioia, quella gioia che ci da' il Signore, quando lasciamo che Lui entri nella nostra vita e ci inviti ad andare fuori alle periferie della vita ad annunciare il Vangelo, con gioia e coraggio". Così Papa Francesco, recitando l'Angelus affacciato a Piazza San Pietro, alla vigilia della sua visita a Lampedusa, terra sbarchi degli immigrati.

"La fecondità dell'annuncio del Vangelo non è data ne' dal successo, ne' dall'insuccesso. La diffusione del Vangelo non è garantita ne' dal numero delle persone ne' dal prestigio dell'istituzione, ne' dalla quantità di risorse disponibili", aveva detto prima papa Francesco in San Pietro durante l'omelia della messa per seminaristi e novizie. "Gesù manda i suoi senza sacca nè sandali", ha detto il pontefice richiamando il Vangelo.

Quello di Bergoglio è suo primo viaggio da Pontefice fuori Roma. Nei primi cento giorni di pontificato, Giovanni Paolo II visitò Assisi e poi si recò in Messico. Benedetto XVI visitò a Bari per il congresso eucaristico italiano. La scelta di Papa Bergoglio è caduta sulla frontiera estrema del Sud Europa, su un'isola destinazione dei viaggi della speranza di tanti immigrati, a bordo di carrette del mare. Molti di loro nel tentativo di raggiungere la meta hanno perso la vita. E nei luoghi in cui tanti migranti sono sbarcati, domani è atteso Bergoglio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata