Palermo, sequestrate armi e droga al quartiere Zen 2: due arresti

Palermo, 31 ago. (LaPresse) - La polizia di Palermo ha eseguito numerose perquisizioni nel quartiere Zen 2. I controlli, operati dagli agenti del commissariato San Lorenzo, hanno consentito di scoprire una piantagione di marijuana, droga, un piccolo arsenale, e hanno portato all'arresto di due persone. Il blitz è scattato all'alba, quando gli agenti hanno fatto irruzione all'interno di diversi appartamenti del quartiere. In particolare, i poliziotti hanno trovato in un garage un'intercapedine, protetta da una grata di ferro, dietro alla quale hanno trovato una serra costruita con impianti idrici, elettrici e di condizionamento allacciati abusivamente alla rete, con 84 piante di marijuana. All'interno del locale, inoltre, è stato trovato un vero è proprio laboratorio con bilancini di precisione e tutto l'occorrente per suddividere la marijuana raccolta ed essiccata e confezionarla per la vendita. Recuperate anche 17 dosi già confezionate in apposite bustine. In un angolo buio del garage nascosto da residui di materiale edile, all'interno di una busta di plastica sono state infine trovate una pistola a tamburo calibro 38 marca Smith& Swesson, una pistola a tamburo calibro 357 marca Dan Wesson Arms, un fucile a canne mozze calibro 12, una 'penna pistola', 12 proiettili calibro 7,65, un proiettile calibro 9x21, 90 proiettili calibro 38 special camiciati, 37 cartucce per fucile calibro 12. I poliziotti hanno sequestrato le piante, le armi e la droga e arrestato le persone che avevano le chiavi del garage. Si tratta di due palermitani accusati di produzione e coltivazione di marjiuana, detenzione abusiva di armi clandestine e furto aggravato. Il valore delle 84 piante sarebbe di circa 126mila euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata