Palermo, rubati oggetti dal museo Falcone e Borsellino
Lo denuncia Giovanni Paparcuri, collaboratore dei due magistrati, scampato all'attentato del 29 luglio 1983

Una relazione di Rocco Chinnici, la scheda comandi del wordstar che si trovava nell'ufficio di Giovanni Falcone, la confezione della Olivetti con all'interno diversi floppy custoditi al 'Museo Falcone-Borsellino', nel cosiddetto bunkerino del tribunale di Palermo, dove lavoravano i due giudici, sono stati rubati. Lo denuncia Giovanni Paparcuri, collaboratore dei due magistrati, scampato all'attentato del 29 luglio 1983 in via Pipitone a Palermo, nel quale perse la vita il consigliere istruttore Rocco Chinnici. "Verrà presentata formale denuncia", annuncia su Facebook Paparcuri.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata