Una strada di Ostia
Casa popolare sgomberata ad Ostia: era occupata da Vincenzo Spada

Forze dell'ordine in via Giovanni Ingrao per liberare un alloggio occupato abusivamente da un esponente del clan

Forze dell'ordine in via Giovanni Ingrao a Ostia per liberare un alloggio popolare occupato abusivamente da Vincenzo Spada, uno dei nipoti del boss Carmine. Un centinaio di agenti del Comando generale, dell'Unità Spe (Sicurezza pubblica ed emergenziale) e dei Gruppi X Mare, Gssu (Gruppo sicurezza sociale urbana), Gpit (Gruppo pronto intervento traffico), con la collaborazione del personale della polizia di Stato, sono intervenuti per consentire il recupero del bene pubblico. E non sono mancati momenti di tensione.

Soddisfatta del blitz, la sindaca di Roma, Virginia Raggi: "Abbiamo liberato una casa popolare a Ostia, occupata abusivamente da un membro del clan Spada. La polizia locale di Roma Capitale è intervenuta questa mattina per restituire un bene pubblico alla città. Prosegue la nostra lotta per ripristinare la legalità. #NonAbbassiamoLoSguardo", ha scritto su Twitter.

La scorsa notte, a Ostia, un ordigno rudimentale - un candelotto - è esploso nel balcone della casa della famiglia di Tamara Ianni, collaboratrice di giustizia checon le sue confessioni ha contribuito a dare scacco al clan Spada lo scorso 25 gennaio con 32 arresti

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata