Ostia, procura chiede al gip la convalida del fermo per Roberto Spada. Sit-in dei giornalisti
La protesta dopo l'aggressione al cronista di 'Nemo': "Con le mani siete bravi, vediamo come ve la cavate col microfono, vi aspettiamo"

Convalida per Roberto Spada, l'uomo fermato dopo aver aggredito a Ostia, davanti alla sua palestra, il giornalista della trasmissione Rai 'Nemo', Daniele Piervincenzi, e il filmmaker Edoardo Anselmi. Lo hanno chiesto al gip Anna Maria Fattori i pm Giovanni Musarò e Ilaria Calò che da due giorni hanno aperto un fascicolo per lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso e dai futili motivi.

L'aggravante del metodo mafioso, senza la quale non sarebbe scattato il fermo di ieri sera da parte dei carabinieri di Ostia, deriva secondo gli inquirenti dal contesto nel quale l'aggressione è avvenuta e, soprattutto, dalla platealità con la quale Spada ha voluto dare una prova di forza sul 'suo' territorio, davanti agli abitanti del quartiere.

E oggi giornalisti e videomaker hanno manifestato per mostrare la loro solidarietà al reporter. "No alla censura sulla stampa", "Con le mani siete bravi, vediamo come ve la cavate col microfono, vi aspettiamo", alcuni degli slogan scanditi nel corso della protesta. Presente anche la cronista Federica Angeli, sotto scorta per le sue indagini sulla mafia nella frazione di Roma Capitale.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata