Omicidio Loris, confermata la condanna a 30 anni per la madre
Veronica Panarello urla in aula contro il suocero dopo la sentenza: "Quando esco ti ammazzo"

Trent'anni di reclusione. La Corte d'Assise d'Appello di Catania ha confermato al condanna inflitta in primo grado a Veronica Panarello per l'omicidio del figlio Loris, 8 anni, assassinato con delle fascette di plastica il 29 novembre del 2014 nella loro casa di Santa Croce Camerina, e l'occultamento del corpo del bambino. I giudici, accogliendo la richiesta dell'accusa, rappresentata dal sostituto pg Maria Aschettino e il pm Marco Rota, hanno confermato la decisione di primo grado emessa il 17 ottobre del 2016 dal gup di Ragusa, Andrea Reale, col rito abbreviato. Il difensore dell'imputata, l'avvocato Francesco Villardita, aveva sollecitato l'assoluzione per la sua assistita per non aver commesso il fatto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata