Omicidio Fortuna, la mamma: Credo l'abbia uccisa la vicina
Raimondo Caputo, accusato dell'omicidio, incolpa la compagna Marianna Fabozzi

"Ho sempre immaginato e sospettato che c'entrasse Marianna Fabozzi nell'omicidio di mia figlia, perché lei ha mentito fin dall'inizio. Io spero che stavolta dica la verità e dica perché ha ucciso mia figlia". Così Mimma Guardato, la mamma di Fortuna Loffredo, in collegamento con Barbara D'Urso a Pomeriggio 5, commenta le dichiarazioni di Raimondo Caputo, arrestato per omicidio volontario e violenza sessuale per la morta della piccola di Caivano, che ha incolpato dell'omicidio la compagna Marianna Fabozzi, vicina di casa della vittima. "Ci credo", sottolinea Mimma, "voglio capire perché ha fatto una cosa così orrenda, perché ha ammazzato suo figlio e poi la mia bambina". "Poco dopo la morte di Chicca venne a trovarmi e mi disse 'Solo io ti posso capire, stai provando il mio stesso dolore'", racconta a proposito della morte del figlio, il piccolo Antonio Giglio, "ho sempre curato i miei figli. Forse Marianna era gelosa di me? Io so solo che non ho mai fatto male a nessuno". "Mia figlia è entrata lì dentro, ha messo piede in quella casa - ha sottolineato Mimma Guardato -, e lei anche su questo ha sempre mentito dall'inizio e poi è stata costretta a ritrattare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata