Omicidio Fortuna, chiuse le indagini per Caputo e Fabozzi
Il giudice Claudia Maone ha formalizzato nei confronti di Caputo l'accusa di omicidio

Sono state chiuse le indagini nei confronti di Raimondo Caputo e la compagna Marianna Fabozzi per il caso della morte della piccola Fortuna Loffredo. Il giudice del Tribunale di Napoli Nord Claudia Maone ha formalizzato nei confronti di Caputo l'accusa di omicidio: l'uomo avrebbe lanciato la bambina dal settimo piano dello stabile in cui abitava, nel parco Verde di Caivano. Caputo è accusato anche di violenza sessuale ripetuta nei confronto della piccola. Avrebbe molestato anche due delle figlie della compagna Marianna, oggi 11 e sei anni. La coppia è anche accusata di aver costretto la terza figlia della donna a subire lo stesso trattamento da parte di Caputo. La madre avrebbe agito in concorso con l'uomo: pur conoscendo cosa succedeva alla bambina ha fatto finta di niente, venendo meno ai suoi doveri genitoriali per proteggere il compagno.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata