Oltre 80mila farmaci sequestrati in tutta Italia in una settimana
La maggior parte riguarda le disfunzioni erettili

Sono oltre 80.000 i farmaci tra capsule, compresse e fiale, illegali o falsificate, sequestrate nel corso dell'ultima settimana a seguito dei controlli effettuati negli aeroporti nostrani su migliaia di spedizioni dirette in Italia. I dati confermano come continui a essere elevato il numero di italiani che si rivolgono a canali non ufficiali - come i siti web non autorizzati - per l'acquisto di farmaci. Al primo posto i farmaci per il trattamento delle disfunzioni erettili, che rappresentano oltre il 60% dei farmaci sequestrati. Tra gli altri farmaci illegali o falsificati figurano analgesici (3,9%), antivirali (2,4%), anoressizzanti (2,3%) e antinfiammatori (1,9%).

Tipologie diverse che hanno in comune la pericolosità per la salute, riconducibile tanto alle condizioni non controllate in cui vengono  prodotti che a l'utilizzo improprio, che avviene solitamente senza la supervisione del medico.

I farmaci sono stati sequestrati nell'ambito dell'operazione internazionale di contrasto denominata 'Pangea', giunta alla IX edizione, alla quale anche quest'anno hanno aderito, per l'Italia, le forze di polizia, l'Agenzia delle dogane e dei monopoli, il ministero della Salute, l'Agenzia italiana del farmaco e l'Istituto superiore di sanità, con il coordinamento del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia della Criminalpol, punto di contatto nazionale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata