Occhionero, tribunale: Restino in carcere, a rischio sicurezza Stato
I due fratelli erano stati arrestati lo scorso 9 gennaio con l'accusa di cyberspionaggio

"La tipologia dei sistemi infettati induce a ritenere significativo il pericolo per la sicurezza dello Stato e colora la condotta delittuosa in maniera particolarmente grave, aprendo anche a scenari inquietanti". È quanto sostengono i giudici del tribunale del riesame nelle 30 pagine con le quali motivano il 'no' alla scarcerazione di Giulio e Francesca Maria Occhionero arrestati lo scorso 9 gennaio con l'accusa di cyberspionaggio.

LEGGI ANCHE Cyberspionaggio: tutti i nomi dei politici 'spiati'

"Il fatto che Giulio Occhionero abbia distrutto parte dei file esfiltrati - si legge nelle motivazioni - induce a ritenere che a tutt'oggi il materiale probatorio potrebbe subire attacchi da parte dell'indagato".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata