No Tav assolti da accusa terrorismo, condannati per reati minori

Torino, 17 dic. (LaPresse) - Sono stati assolti dall'accusa di terrorismo i 4 No Tav a processo per aver partecipato all'assalto notturno del cantiere della Tav di Chiomonte nella notte tra il 13 e il 14 maggio 2013. I quattro No Tav, che erano stati arrestati il 9 dicembre 2013, sono stati condannati a 3 anni e mezzo per reati minori. Sono stati assolti dall'accusa di terrorismo "perchè il fatto non sussiste" i quattro No Tav arrestati il 9 dicembre 2013 per aver partecipato, come da loro ammesso, all'assalto notturno del cantiere della Tav di Chiomonte nella notte tra il 13 e il 14 maggio 2013. Sono stati condannati invece a tre anni e mezzo ciascuno per fabbricazione di armi da guerra e danneggiamento seguito da incendio. Tutti dovranno pagare cinquemila euro di multa. E' la sentenza della Corte d'Assise di Torino presieduta dal giudice Pietro Capello, pronunciata nella maxi aula bunker del carcere delle Vallette di Torino. Gli imputati Nicolò Blasi, Claudio Alberto, Matia Zanotti e Chiara Zenobi avevano partecipato, come da loro ammesso, all'assalto notturno del cantiere della Tav di Chiomonte nella notte tra il 13 e il 14 maggio 2013. I pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo avevano chiesto nove anni e mezzo di pena per ognuno. La lettura della sentenza è stata seguita da grida, applausi ed esclamazioni di gioia da parte del pubblico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata