Niente acqua per irrigare i campi: cresce la protesta a Sassari
Coldiretti denuncia: "Il disservizio rischia di fermare la produzione con un enorme danno economico"

Sono 60 le aziende agricole che operano sul territorio di Perfugas e Bortigiadas che in questo momento non possono utilizzare l'acqua destinata all'irrigazione dei campi. A causare il grave disservizio - si legge nella nota diffusa da Coldiretti Sassari - sono una serie di problemi tecnici che nelle ultime settimane hanno colpito le condutture del Consorzio di Bonifica del nord Sardegna e in particolare quelle del distretto di Perfugas.

Le prime segnalazioni per la mancata erogazione del servizio sono state depositate dai soci della federazione della Coldiretti Sassari nel mese di aprile quando 40 aziende sono rimaste senz'acqua. Dal quel momento - prosegue la nota - non solo il problema non è mai stato risolto ma si è allargato ad altre venti aziende della stessa zona. Tutto questo accade nonostante gli imprenditori abbiano pagato in anticipo, così come previsto dalla normativa regionale, i ruoli per poter usufruire della risorsa idrica durante la stagione irrigua.

Il disservizio appena descritto - afferma Coldiretti Sassari - rischia di fermare la produzione agricola del distretto di Perfugas con un danno economico incalcolabile per tutti gli operatori del settore. Le colture più a rischio sono il mais, l'erba medica e tutti gli ortaggi di stagione. La Coldiretti Sassari - si conclude - invita tutti i suoi soci consorziati a presentare una richiesta di indennizzo e contestualmente chiede al Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna una soluzione immediata al problema.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata