Neve in montagna, freddo nel weekend: il meteo del 2-3 febbraio
Le previsioni per oggi e per domani

Le previsioni dell'Aeronautica militare per oggi sull'Italia.

Al nord cielo molto nuvoloso con precipitazioni insistenti sul levante ligure, Lombardia orientale, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige con neve sui rilievi alpini a quote superiori ai 600-700 metri e appenninici al di sopra dei 900-1000 metri; dal tardo pomeriggio tendenza ad intensificazione dei fenomeni sulla fascia appenninica emiliano-romagnola. Sulle restanti aree del nord parzialmente nuvoloso per nubi medio alte stratiformi.

Al centro e Sardegna maltempo con precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale su Sardegna, Toscana, Umbria, Lazio, settore nord delle Marche ed aree appenniniche marchigiane ed abruzzesi, con fenomeni localmente anche intensi sul Lazio e Toscana; dal pomeriggio estensione delle precipitazioni al restante territorio delle Marche e, dalla sera, a quello abruzzese; neve sui rilievi ad iniziare dai 1000 metri della Toscana e Marche per arrivare ai 1200-1400 tra Lazio e Abruzzo.

Al sud e Sicilia molto nuvoloso con rovesci anche temporaleschi sulla Campania e piogge sparse su Sicilia e Calabria e penisola salentina che diverranno anche temporalesche e raggiungeranno dal pomeriggio anche le restanti aree del sud. 

Temperature: minime in diminuzione su Valle d'Aosta, Piemonte Liguria ed aree alpine della Lombardia e Trentino-Alto Adige, in aumento sulla Sardegna ed al sud specie su Sicilia, Calabria e penisola salentina; massime in diminuzione decisa sull'Emilia-Romagna e pianura veneta, più contenuta sul resto del nord; stazionarie al centro ed isole maggiori, in aumento sulle regioni meridionali peninsulari.

Venti: moderati meridionali al centro-sud, in attenuazione sulla Toscana ed Umbria dove ruoteranno a nordest dalla sera; deboli dai quadranti settentrionali al nord, con rinforzi dal pomeriggio sulle coste adriatiche e sulla Liguria. A fine giornata sensibile rinforzi del vento fino a burrasca forte da nordovest sulla Sardegna, da sudovest sulla Sicilia e coste centro-meridionali tirreniche, da sud sull'area ionica e del basso adriatico e da nordest sulle coste settentrionali adriatiche.

Mari: molto mossi i bacini centro-meridionali ma con moto ondoso in progressivo aumento fino a divenire a fine giornata molto agitati il mare e canale di Sardegna, il basso Tirreno, lo stretto di Sicilia, basso Adriatico ed alto Ionio; da mosso a molto mosso i bacini settentrionali. 

Le previsioni per domani sull'Italia

Al nord al mattino molte nubi compatte su gran parte del triveneto ed Emilia-Romagna con associate precipitazioni diffuse, in attenuazionenel pomeriggio su Veneto e Friuli-Venezia Giulia e poi, dalle ore serali, sull'Emilia-Romagna con schiarite che si faranno sempre più ampie; i fenomeni assumeranno carattere nevoso sui rilievi friulani oltre i 700 metri ed intorno ai 300-500 metri su quelli dell'appennino emiliano-romagnolo, abbassandosi localmente anche a quote di pianura sull'entroterra romagnolo; addensamenti compatti sulla Valle d'Aosta e bel tempo sul restante settentrione con qualche nube in più al primo mattino su basso Piemonte, Liguria e Lombardia.

Al centro e Sardegna cielo molto nuvoloso o coperto su gran parte del settore con precipitazioni diffuse, anche temporalesche sull'isola e nevose a sui rilievi appenninici e su quelli sardi oltre i 500 metri e localmenteanche a quote più basse sull'entroterra toscano; dal tardo pomeriggio atteso un miglioramento su Toscana e Lazio settentrionale con assorbimento dei fenomeni ed ampi spazi di cielo sereno. 

Al sud e Sicilia molte nubi compatte su Molise e regioni tirreniche con precipitazioni da sparse a diffuse a prevalente carattere di rovescio temporale, anche intense al primo mattino su Molise occidentale e Campania; attese deboli nevicate sui rilievi appenninici oltre i 700-800 metri; spesse velature altrove con annuvolamenti più significativi sulla Puglia con associati rovesci sparsi.

Temperature: minime in diminuzione, più marcata su aree adriatiche settentrionali ed al centro; massime in lieve calo sulle aree alpine, senza variazioni di rilievo sul resto del nord; in sensibile flessione sul resto del paease.

Venti: da deboli a moderati settentrionali al centro-nord peninsulare conulteriori rinforzi sulle aree alpine e lungo le coste adriatiche centrali; forti o molto forti dai quadranti occidentali su Sardegna e regioni meridionali, in graduale attenuazione dalle ore serali.

Mari: da molto agitato a grosso il mare di Sardegna; molto agitati il canale di Sardegna, il Tirreno meridionale e lo stretto di Sicilia, il basso Adriatico e lo Ionio settentrionale; da agitato a molto agitato il Tirreno e l'Adriatico centrali; da mossi a molto mossi i restanti bacini. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata