Naufragio Lampedusa, il sindaco: 3 ottobre sia giorno della memoria

Roma, 21 ott. (LaPresse) - Nel giorno in cui ad Agrigento si svolge la cerimonia pubblica di commemorazione delle vittime del naufragio avvenuto a Lampedusa la notte tra il 2 e il 3 ottobre, il sindaco dell'isola, Giusi Nicolini, da Roma lancia l'ennesimo appello affinché non si ripeta più una tragedia del genere. "Ad Agrigento - dice in conferenza stampa al Senato - non ci sono stati morti ed è un luogo che non ha nessun rapporto con la storia di chi è morto. Gli isolani l'hanno presa male perché volevano partecipare, così come i superstiti". A Lampedusa, infatti, decine di migranti hanno protestato contro la decisione di svolgere nel capoluogo di provincia la cerimonia a cui, ovviamente, non possono prendere parte. "Se è stata una decisione politica? Il perché dovete chiederlo ad altri, noi non siamo stati coinvolti - prosegue Nicolini - dico solo che visto che si dovevano svolgere tardivamente e senza bare era una cerimonia per la quale andava scelto il luogo più simbolico quello dove ci sono stati i morti".

"TROPPI MORTI, E' MOMENTO VERITA'". Morti, che per il sindaco, "sono troppi e Lampedusa non ce la fa più a reggerli". "Non è necessario metterli in fila dentro le bare per avere davanti la realtà - aggiunge - i corpi che mi sono stati messi davanti in questi mesi sono solo un sintomo, la punta di un iceberg che questo mare è un cimitero". "E' il momento della verità - dice Nicolini - non si può più trattare questo argomento in termini propagandistici".

"MARE NOSTRUM? NON E' RISPOSTA A DOMANDA UMANITARIA". Commentando il piano militare-umanitario messo in piedi dal governo per fare fronte all'emergenza sbarchi, Nicolini non ha dubbi: "Alla domanda umanitaria - dice - non si può rispondere con i mezzi militari". "Dopo che queste navi avranno intercettato i barconi quale sarà il destino di queste persone? - spiega Nicolini - E' il momento di cambiare il regolamento e stabilire con chiarezza il principio di respingimento". "Capisco - prosegue - che come Italia fosse doveroso rispondere ma piuttosto che fare 'Mare Nostrum' forse sarebbe stato più utile cominciare a decongestionare il Centro di accoglienza di Lampedusa. Lì dentro ad oggi non è cambiato nulla e ci sono bambini senza un letto che dormono fra i rifiuti".

"3 OTTOBRE SIA GIORNO MEMORIA". Il sindaco di Lampedusa è a Roma anche per chiedere al capo dello Stato, che il 3 ottobre, data del tragico naufragio, "sia il giorno della memoria. Si è già costituito un comitato che in pochissimi giorni ha già raggiunto tantissime adesioni su Facebook". "Lo chiederò a Napolitano - aggiunge - così questi morti non saranno più soltanto nostri".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata