Natale, con 'Luci Buone a Milano' Engie illumina piazza della Scala

Il progetto green brillerà fino al 6 gennaio

Un'illuminazione natalizia 'a impatto zero', per promuovere la sostenibilità e sensibilizzare i cittadini sul tema del risparmio energetico e delle buone pratiche per tutelare l'ambiente approfittando delle festività. È 'Luci Buone a Milano', l'installazione luminosa a led accesa in piazza della Scala da Engie, partner del Comune di Milano, e che illuminerà la piazza fino al 6 gennaio. Quella con Engie per l'illuminazione di piazza della Scala "è una partnership importantissima", ha detto l'assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita del Comune di Milano, Roberta Guaineri, che ha spiegato: "La nostra prosecuzione di mandato sarà proprio orientata sulla sostenibilità e sull'ambiente. Tutta la città si sta muovendo in questo senso, e credo sia importante che la città aiuti anche società come Engie e altre che credono in questi valori a promuovere la loro realtà e i loro contenuti". Guaineri, che ha spiegato come in casa ha incaricato "mia figlia 20enne di occuparsi di tutto quello che riguarda ambiente e sostenibilità in casa, e lo fa con entusiasmo", ha sottolineato che "il Natale sostenibile è il leit motiv di tutte le nostre feste di Natale quest'anno, e il Natale sostenibile di Engie è un tassello che si inserisce in un percorso ben preciso della nostra amministrazione". L'opera illuminotecnica è realizzata da Engie Italia, player dell'energia e dei servizi leader nella transizione a zero emissioni di CO2. "Ci fa piacere essere su questa piazza - ha commentato Roberto Rossi, executive vice president-B2t director di Engie Italia - siamo di fronte alla Scala, di cui gestiamo tutta la tecnologia, e a Palazzo Marino, sede del Comune con cui abbiamo un contratto per oltre 500 immobili da noi gestiti a livello energetico. Questo è un progetto ecosostenibile al 100%: vogliamo dare un'immagine forte di quello che vuole fare Engie, aiutare cittadini e amministrazioni a portarci a zero emissioni di CO2". L'ispirazione che ha consentito di sviluppare il progetto illuminotecnico deriva proprio dal Teatro alla Scala, tempio culturale che sotto il suo soffitto ha ospitato e ospita grandissimi artisti e produzioni. Questo stesso soffitto ora prende vita in piazza, curvandosi e modellandosi sui passanti e avvolgendoli in uno sfavillio 'a impatto zero'. La struttura, realizzata in materiale riflettente amplificato dalla presenza di piccoli punti strass in cristallo e con l'installazione di circa 200 metri di tubi Led a basso wattaggio, permette un risparmio energetico del 65%, pur realizzando un notevole effetto di luci. L'installazione è illuminata da barre a led a luce bianca e colorata. Il progetto si completa con due totem interattivi che danno la possibilità ai passanti, anche grazie al supporto di hostess, di scegliere i 'buoni proposti del 2020'. Inoltre ognuno potrà calcolare la propria 'carbon foot print' quotidiana attraverso il calcolatore di CO2 progettato da Engie. In occasione dell'accensione si è tenuto anche l'Engie Silent Party 'Zero decibel x zero CO2'. Piazza della Scala si è trasformata in un'enorme sala da ballo silenziosa, dove i passanti sono stati dotati di speciali cuffie e hanno potuto ballare walzer o disco dance con la regia del DJ Filippo Nardi.