Nasconde uno smartphone rubato nelle mutande: arrestato 18enne
Il vero proprietario era un turista ventenne della provincia di Roma

Aveva nascosto uno smartphone rubato nelle mutande poco dopo averlo rubato. Per questo motivo un 18enne senegalese è stato arrestato a Milano dai carabinieri della compagnia Duomo con l'accusa di furto aggravato. Il giovane, irregolare in Italia e già segnalato per reati contro il patrimonio, è stato controllato in corso Como, dove è stato perquisito. Dal momento che non riusciva a dare una spiegazione sul perchè avesse riposto lo smartphone nella biancheria intima, i carabinieri hanno preso il cellulare e, scorrendo la lista delle ultime telefonate, hanno scoperto che era stato rubato. Il vero proprietario era un turista ventenne della provincia di Roma. Contattato dai militari dell'Arma, non si era ancora accorto di aver subito il furto, consumato pochi minuti prima.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata