Napoli, un 31enne ai domiciliari per una rapina a una prostituta

Napoli, 18 lug. (LaPresse) - Un 31enne è finito agli arresti domiciliari per avere rapinato una prostituta, in località Boscofangone, a Nola. I carabinieri della stazione di Cimitile (Napoli) hanno fatto scattare le manette ai polsi di Diego Simonetti, giovane domiciliato a Nola e già noto alle forze dell'ordine, che il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Nola ha ritenuto responsabile di rapina impropria e di lesioni personali aggravate.

Il fatto è avvenuto il 27 giugno scorso. In quell'occasione, Simonetti si era avvicinato alla giovane donna, le aveva preso la borsa e aveva reagito con violenza, bloccandole le braccia, spingendola e facendola cadere, causandole contusioni multiple ed ecchimosi al braccio destro e al piede sinistro, quando la vittima, una 26enne di origine rumena, aveva cercato di opporsi alla rapina. Gli uomini della stazione di Cimitile, coordinati dalla Procura di Nola, sono però riusciti a individuarlo. Nella borsa c'erano due telefonini, circa 100 euro e documenti personali.

Il 31enne è stato identificato grazie a una buona descrizione fornita dalla vittima e con l'ausilio del sistema informatico 'Weblase' in uso all'arma.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata