Napoli, speronata dal fratello perchè lesbica: cade da scooter e muore
Napoli, speronata dal fratello perchè lesbica: cade da scooter e muore

E' accaduto ad Acerra: ventenne morta dopo un inseguimento

Milano, 13 set. (LaPresse) - Una ventenne è morta dopo essere stata inseguita e speronata dal fratello, di dieci anni più grande. E' successo nella notte dell'11 settembre tra Caivano e Acerra, in provincia di Napoli. La vittima, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, è stata aggredita dal parente perchè lesbica: al momento dei fatti si trovava in moto insieme alla fidanzata, con la quale stava per andare a convivere. Maria Paola Gaglione, 20 anni, è morta dopo essere stata inseguita e speronata dal fratello Michele Antonio Gaglione, poi fermato dai carabinieri. Uccisa perchè donna e lesbica: è quanto emerso dalle prime indagini. Ferita anche la fidanzata della vittima: al momento dei fatti si trovavano insieme in moto. Stavano viaggiando da Caivano ad Acerra quando sono state raggiunte dal ragazzo, anch'egli a bordo di uno scooter. Il giovane ha tamponato con violenza la coppia e le due sono cadute a terra, in via degli Etruschi. Maria Paola è morta sul colpo mentre la compagna è rimasta ferita, ma non in pericolo di vita. All'arrivo dei carabinieri, Michele Antonio, disoccupato e incensurato, è stato portato in caserma e sottoposto a fermo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata