Napoli, minacciano di uccidere debitore se non paga: arrestati coniugi
Il 43enne e la 39enne sono indiziati di tentata estorsione in concorso

Una coppia di coniugi è stata arrestata per aver minacciato di uccidere un uomo a cui aveva prestato del denaro che ancora non aveva restituito. È successo a Napoli, dove il 43enne Luigi D'Oriano e la 39enne Lucia Spinola sono indiziati di tentata estorsione in concorso.

La vittima del reato, un 35enne del posto, aveva contratto un grosso debito con la coppia che da tempo gli aveva prestato del denaro con un alto tasso di interesse. A gennaio aveva quindi consegnato alla coppia degli assegni a firma della madre e di un amico dimostrando di voler estinguere progressivamente il debito. Gli assegni non erano però coperti e la coppia aveva iniziato a lanciare serie minacce. Ieri pomeriggio i coniugi hanno incontrato l'uomo, minacciandolo di morte, intimandogli di consegnare il denaro entro la sera: in caso contrario lo avrebbero ucciso. Il 35enne si è sentito male ed è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del Fatebenefratelli.

La coppia, già nota agli investigatori di San Ferdinando per i numerosi precedenti, è stata intercettata in Vico San Nicola alla Carità su una moto e senza casco. I coniugi hanno provato a fuggire ma sono stati inseguiti, raggiunti e bloccati. La coppia è stata sottoposta a fermo. L'uomo è stato condotto alla Casa Circondariale di Napoli-Poggioreale, la moglie in quella femminile di Pozzuoli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata