Napoli, arrestato pirata della strada, aveva ucciso bimba 5 anni

Napoli, 4 set. (LaPresse) - E' stato arresto stanotte l'uomo che ieri sera aveva investito una bimba di 5 anni a Napoli Scampia e che subito dopo si era dato alla fuga. L'incidente si è verificato intorno alle 22.30 in via Labriola. La bambina era in compagnia della madre e dei 4 fratelli nell'area privata antistante il proprio palazzo quando, allontanatasi di qualche metro, è stata investita da una Fiat Punto. Immediati sono scattati i soccorsi del vicinato per soccorrere la bambina che è stata trasportata dall'autoambulanza 118 all'ospedale Cardarelli dove però, per le gravi ferite, è morta poco dopo la mezzanotte. Grazie alla testimonianza di un uomo che è accorso sul posto, richiamato dalle urla della madre della piccola e che a bordo del proprio scooter ha tentato di raggiungere l'auto, è stato rilevato il numero di targa, che è servito a risalire all'autore del fatto. Il conducente dell'auto era un amico del figlio della proprietaria dell'auto. Il giovane, un operaio edile, resosi conto della gravità del fatto, ha raccolto per strada l'amico che doveva incontrare ed è scappato via. Dopo poche ore si è costituito ai carabinieri di Casal di Principe ed è stato poi arrestato dalla polizia municipale di Napoli che procede con le indagini. L'accusa per l'investitore, portato in carcere a Poggioreale e in attesa del rito direttissima che si terrà domani, è di omicidio colposo e omissione di soccorso, mentre l'accusa per il passeggero fermato nella sua abitazione è concorso in omicidio e omissione di soccorso. Il conducente è stato inoltre sottoposto ai rilievi tossicologici, presso il Loreto Mare. I risultati saranno disponibili tra qualche giorno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata