Napoli, accoltella il vicino di casa per una birra negata
La vittima, ricoverata in prognosi riservata, è grave ma non in pericolo di vita

Un 58enne di Quarto (Napoli) è finito in manette per tentato omicidio. La scorsa notte si è presentato ubriaco al comando della tenenza dei carabinieri di Quarto confessando di aver accoltellato il vicino di casa. In mano aveva un coltello con una lama da 30 centimetri. La vittima, ricoverata in prognosi riservata, è grave ma non in pericolo di vita.

Già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e la persona, il 58enne ha raccontato di aver aggredito il vicino di casa perché gli aveva negato una birra.

L'aggressione è avvenuta in via Salvo d'Aquisto. Secondo la ricostruzione dei carabinieri l'arrestato, ubriaco, si era recato al piano inferiore del condominio a casa del vicino, di 49 anni, per chiedergli una birra. Il conoscente, però, lo ha respinto colpendolo al volto con uno schiaffo. A quel punto il 58enne è rientrato nella sua abitazione, per tornare dal vicino armato di coltello da cucina con una lama da 30 centimetri. Quando il 49enne gli ha aperto nuovamente la porta, l'uomo gli ha sferrato un fendente allo stomaco davanti alla moglie e ai figli, tra cui una minorenne. Sul posto è arrivata l'ambulanza, portando il ferito all'ospedale di Pozzuoli. Il 58enne, che si è costituito, è stato arrestato e si trova ora in carcere a Poggioreale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata